Il Museo

Il Museo provinciale della caccia e della pesca di Castel Wolfsthurn fa parte dei musei provinciali altoatesini e – insieme al Museo provinciale del vino di Caldaro – è accorpato al Museo degli usi e costumi di Teodone. Qui si può accedere alla pagina delle linee guida dei musei provinciali.


Storia & mission del Museo

In veste di assessore provinciale alla caccia e alla pesca, carica che ricoprì per lunghi anni, Luis Durnwalder fu il promotore dell’istituzione di un museo della caccia e della pesca. Nel 1986, Castel Wolfsthurn fu proposto come possibile sede. A convincere definitivamente furono la posizione, le dimensioni e le condizioni del castello, anche se il complesso non era mai stato un castello di caccia. Nel 1989 il Museo della caccia della pesca fu accorpato dal punto di vista amministrativo al Museo degli usi e costumi di Teodone. L’ala padronale del castello divenne sede del Museo, ma l’intero complesso rimase di proprietà della famiglia von Sternbach. Dopo accurati lavori di restauro e ristrutturazione al tetto, alle facciate, al giardino, ma anche agli stucchi e agli arredi all’interno del castello, il Museo provinciale della caccia della pesca fu infine inaugurato il 29 luglio 1996.

img_3972_pa.jpg hmg_1039_2016hmg_pa.jpg

Anteprima del programma 2020

Per prevenire e contrastare la diffusione del nuovo Coronavirus sono stati cancellati tutti gli eventi previsti nell’anno corrente.

Il programma di mediazione è limitato, fino a data da destinarsi, a brevi visite guidate all'aperto per piccoli gruppi (max 10 persone), nel rispetto delle misure di sicurezza e protezione prescritte (p. es. protezione delle vie respiratorie). È necessaria la prenotazione.

Grazie della comprensione.

Continua a leggere