Südtiroler Landesmuseum für Jagd und Fischerei - Schloss Wolfsthurn

Deutsch | English

Splendore barocco dietro 365 finestre

Sulla collina sopra Mareta, presso Vipiteno, troneggia Castel Wolfsthurn di cui lo storico tirolese Johann N. Tinkhauser diceva nel XIX secolo che fosse il “più bel castello del Tirolo”. Il complesso barocco è fin dalla sua costruzione di proprietà della famiglia Sternbach ed ospita dal 1996 il Museo provinciale della caccia e della pesca. Il Museo presenta le sale nobili con arredamento originale ed una ricca collezione storico-artistica riguardante la caccia e la pesca. Al castello conduce l’interessante percorso tematico “bosco e acqua”.

diorama-aquila-reale

Attività didattiche per scolaresche


I programmi per l'anno scolastico 2018/19:

Gli animali e i loro habitat

Fauna nell'Alto Adige

Fanciullezza nel castello

Visita guidata al castello

Il depliant con i programmi didattici da scaricare

Foto: O. Verant

 

stagno-nel-bosco

Il sentiero tematico “bosco e acqua”


Il sentiero tematico "bosco e acqua" consente di percepire questi due habitat con tutti i sensi. L'itinerario inizia dalla chiesa parrocchiale di Mareta e conduce in circa 1 km attraverso il bosco fino al castello. Il sentiero è percorribile con le carrozzine per i bambini.

ritratto-di-franz-andrae-von-sternbach

Il barone Franz Andrä von Sternbach


Il committente Franz Andrä von Sternbach (1675-1755) faceva costruire Castel Wolfsthurn. Era funzionario governativo a Vienna, fabbricante e socio dell'assai redditizia miniera di rame di Predoi. Il barone, votato al Barocco ed all'arte costruttiva, costruì e risanò numerosi castelli e residenze gentilizie arredandoli munificamente con grande amore per l'arte. A questo pio adoratore mariano, amante dell'arte e mecenate si deve l'offerta di numerosi altari nel Tirolo.